A Cimma - La Cima

Fabrizio de Andrè


Ti t'adesciae 'nsce l'endegu du matìn
ch'à luxe a l'à 'n pé 'n tera
l'atru in mà
ti t'ammiae e ou spégiu
de 'n tianin
ou çe ou s'amnià
aou spegiu da ruzà
ti mettiae ou brugu reddenu
'nte 'n cantùn
che se d'a cappa a sguggia
'n cuxin-a à stria
a xeua de cuntà
'e pàgge che ghe sùn
'a çimma a l'e za pinn-a
a l'è za cuxia

Cé serén tèra scua
carne ténia nu fate neigra
nu turna dua
Bell'ouggé strapunta
de tuttu bun
prima da battezàlu
'ntou prebuggiùn
cun dui aguggiuin dritu
'n punta de pé
da survia 'n cu fitu
ti 'a punziggè
àia da lun-a végia
de ciaeu de négia
ch'ou cégu ou pèrde 'a tèsta
l'ase ou senté
oudù de mà lisciòu
de pèrra légia
cos'atru fà
cos'atru dàghe a ou çe

Ce serén tèra scua
carne ténia nu fate neigra
nu turna dua
e 'nt'ou nùme de Maria
tutti diài da sta pùgnatta
anène via
Poi vegnan a pigiàtela i camé
te lascian tuttu ou fummu
d'ou toeu mesté
tucca a ou fantin-a à prima coutela
mangè mangè
nu séi chi ve mangià

Ce serén tèra scua
carne ténia nu fate neigra
nu turna dua
e 'nt'ou nùme de Maria
tutti diài da sta pùgnatta
anène via.

--------------------------------------------------------------
LA CIMA

Ti sveglierai sull'indaco del mattino
quando la luce ha un piede in terra
e l'altro in mare
ti guarderai allo specchio
d'un tegamino
il cielo si guarderà
allo specchio della rugiada
metterai la scopa dritta
in un angolo
che se dalla cappa scivola
in cucina la strega
a forza di contare
le paglie che ci sono
la cima è già piena
è già cucita

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare scura
non ritornare dura
Bel guanciale materasso
di ogni ben di Dio
prima di battezzarla
nelle erbe aromatiche
con due grossi aghi dritto
in punta di piedi
da sopra a sotto svelto
la pungerei
aria di luna vecchia
di chiarore di nebbia
che il chierico perde la testa
e l'asino il sentiero
odore di mare mescolato
a maggiorana leggera
cos'altro fare
cos'altro dare al cielo

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare dura
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via
Poi vengono a prendertela i camerieri
ti lasciano tutto il fumo
del tuo mestiere
tocca allo scapolo la prima coltellata
mangiare mangiate
non sapete chi vi mangerà

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare dura
non ritornare
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via.

Compositor: (f.de Andrè - I.fossati - M.pagani)

Encontrou algum erro na letra? Por favor, envie uma correção >

Compartilhe
esta música

Ouça estações relacionadas a Fabrizio de Andrè no Vagalume.FM

MIX DE MÚSICAS

ARTISTAS RELACIONADOS